Bazyoussef

Bazyoussef

Sigla febbre da cavallo scarica

Posted on Author Voodoosho Posted in Giochi

Descrizione: Sigla del film. Versione: Dimensione File: MB Aggiunto il: ​gen Downloads: Home | Vota Risorsa | Dettagli Categoria: Audio/. Scarica ed ascolta il file midi che il mitico Giorgio ha creato con tanto amore per Febbre fail il download di bazyoussef.com La sigla iniziale de' "la mandrakata". Suoneria mp3 per cellulari la mitica sigla. Per scaricarla andate su http://​/CinecultDotIt/Forms/bazyoussef.com cliccate su download e. Suoneria Febbre da cavallo - Bixio Frizzi Tempera per Cellulari Android o Iphone​. download suoneria gratis Scarica la suoneria in formato Mp3 download.

Nome: sigla febbre da cavallo scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 63.15 MB

Trama[ modifica modifica wikitesto ] Bruno Fioretti detto " Mandrake ", indossatore morto di fame, Armando Pellicci detto "Er Pomata", disoccupato, ricco solo di grandi risorse truffaldine, e Felice Roversi, guardamacchine abusivo sono tre amici alle prese col vizio delle scommesse ippiche. I tre trascorrono gran parte del loro tempo cercando di mettere insieme i soldi per scommettere, solitamente all'ippodromo di Tor di Valle ma anche in altri ippodromi italiani.

Un giorno i tre, non sapendo come trovare i soldi da puntare sul loro favorito Can can in una corsa a Napoli , dopo un paio di tentate truffe non andate a buon fine, decidono di vendicarsi su Manzotin mettendo in atto una truffa ai suoi danni; richiedono - telefonando alla bottega del macellaio - di consegnare un chilo di carne a casa dell'inesistente conte De Simone e raccomandandosi di portare il resto di centomila lire da consegnare al fantomatico maggiordomo Gregorio.

La truffa va a buon fine e i tre si recano a Napoli per assistere alla corsa all' Ippodromo di Agnano ma il loro cavallo viene battuto dall'indigeno Mambo. Umiliati e derisi dagli spettatori napoletani, i tre finiscono per correre da un vagone all'altro del treno sul viaggio di ritorno per sfuggire al controllore, non avendo neanche i soldi per pagare il biglietto. A quel punto Gabriella, la fidanzata di Mandrake, stanca delle continue mancanze del compagno — che oltre a sperperare denaro, quando perde ai cavalli, per una sorta di complesso di colpa, non riesce a fare l'amore — chiede consiglio a una cartomante, che la induce a giocare una Tris.

In questo modo De Marchis ha anche l'opportunità di trionfare sull'eterno rivale il Conte Dallara, proprietario di Bernadette, che data l'ascesa di Soldatino ha deciso di puntare sulla vincita sicura, dato che Rossini non ha mai perso una corsa.

La prima parte del piano riesce perfettamente, con Mandrake pronto per far di tutto per perdere, e Pomata che, travestitosi da commissario di polizia, rapisce Rossini facendogli credere di essere al centro di un complotto, portandolo in un casale fuori città, per farlo "tenere a bada" da Mafalda.

Poco prima della corsa, Stelvio Mazza, stufo dell'avvocato de Marchis che non si decide a pagargli gli arretrati, rifiuta di guidare Soldatino, e al suo posto si auto-candida Pomata, che è un ex driver con regolare patentino. La corsa parte e tutto sembra andare per il verso giusto finché Mandrake, preso dall'impeto della competizione e cercando di non rendere evidente la farsa, dimentica di dover perdere e conduce Bernadette sempre più vicina a Soldatino, che si trova in prima posizione; dopo un testa a testa tra Mandrake e Pomata, Bernadette riesce ad avere la meglio, venendo condotta alla vittoria da Mandrake, suscitando le ire degli amici e dell'avvocato.

Tutta la combriccola finisce in tribunale e qui Mandrake tenta di dissuadere il giudice con un estenuante filippica su "chi è" il giocatore di cavalli in senso lato, per poi terminare con la richiesta delle attenuanti per totale infermità mentale.

Al termine di un processo ormai sui generis tutti vengono assolti.

Gabriella riesce finalmente a farsi sposare da Mandrake, che, col suo tacito consenso, fugge durante il viaggio di nozze per recarsi all'ippodromo di Cesena.

Tutto torna come prima, con la novità che il giudice entra a far parte del gruppo di scommettitori. Riesce a sbarcare il lunario principalmente facendosi mantenere da Gabriella la sua fidanzata e proprietaria di un bar che mal sopporta la sua passione per i cavalli.

Armando Pellicci detto er Pomata per via dell'abbondante brillantina nei capelli è un ex driver , ora disoccupato, che vive sulle spalle della sorella Giuliana e dell'anziana nonna. Gabriella: è la fidanzata di Mandrake e non sopporta il passatempo e le perdite del compagno; possiede un bar , che è la fonte primaria di "sostentamento" dello stesso Mandrake.

Alla fine delle numerose vicende riuscirà finalmente a farsi sposare da Bruno, accettandone la passione per il gioco. Molte cose sono cambiate da allora: Fioretti Bruno Proietti , detto Mandrake, ha una nuova compagna che, per inciso, è sempre una proprietaria di bar ed è già una simpatica trovata ma non nuove abitudini: cerca sempre di arrabattarsi con le comparsate come attore e spende tutto, compresi i soldi che non ha, nelle scommesse sui cavalli.

Febbre da cavallo (Colonna sonora "Febbre da cavallo")

Anche i suoi sodali sono cambiati: al posto di Er Pomata Montesano , il quale si è dato per morto a causa dei debiti ed ora vive in Australia e del napoletano Francesco De Rosa , ora ci sono Micione Rodolfo Laganà e l'Ingegnere Andrea Ascolese , che come Mandrake sono giocatori incalliti ma irrimediabilmente squattrinati.

Nel corso delle vicende narrate nel film, si aggiungeranno alla 'banda' il ragioniere napoletano Antonio Faiella Carlo Buccirosso , già vittima di una ingegnosa truffa da parte di Mandrake e soci e Aurelia Nancy Brilli , una attrice di belle speranze ma con pessime prospettive economiche.

Per la 'supermandrakata' finale si accoderà quindi il redivivo Pomata, a coronare l'allegro revival del primo film dal quale riprende la struttura a sua volta ricalcata su quella di La stangata, con una serie di truffe minori che preludono alla 'truffa' per eccellenza.

A parte qualche forzatura la presenza del settentrionale Ascolese, ad ammiccare al pubblico del Nord dove il culto del primo film ha contorni molto più contenuti , il cast appare omogeneo e funzionale al film. Un ultimo avvertimento, leggete con attenzione i titoli di coda perché contengo la gag più strepitosa: i vestiti di Nancy Brilli sono di Roberto Cavalli!

Tutte le categorie

Alberto Crespi, 'Film Tv', 5 novembre "Una volta o l'altra bisognava pur dirlo: i film dei fratelli Vanzina sono divertenti. Anzi, divertentissimi. Rispetto al film del padre, Carlo e Enrico Vanzina, che l'hanno scritto e sceneggiato, sono riusciti a cucire un intreccio molto più omogeneo.

Riassumendo, piacevole la storia, bravi e simpatici i protagonisti, frizzante la colonna sonora, moltissime le risate.

Ah, indovinate di chi sono gli abiti, con strepitose scollature, di miss Brilli, come rivelano i titoli di coda? Di Cavalli, naturalmente".


Nuovi post